Palatino Vini pugliesi per passione

Accedi

Pupa Nera: il nostro irresistibile Nero di Troia 2022 premiato a Radici del Sud 2024

radici

La XIX edizione di Radici del Sud si è appena conclusa ed il nostro sublime Nero di Troia, Pupa Nera, è stato nominato tra i migliori della sua categoria

La XIX edizione di Radici del Sud, tenutasi nel 2024, ha celebrato i migliori vini del Sud Italia, mettendo in luce la ricchezza e la diversità enologica della regione. Questo prestigioso evento ha visto la partecipazione di numerosi produttori vinicoli, sommelier, esperti del settore e appassionati di vino, tutti uniti per scoprire e apprezzare le eccellenze vitivinicole del Mezzogiorno.

radici

Questo festival, che si svolge annualmente, ha come obiettivo principale la valorizzazione dei vini e degli oli extravergine d’oliva del Meridione, mettendo in luce la ricchezza e la varietà dei prodotti tipici locali. L’evento ha attirato numerosi produttori, esperti del settore, giornalisti e appassionati, creando un’occasione unica per scoprire le eccellenze del territorio.

Tra i vini vincitori di quest’anno, spiccano alcune etichette che hanno conquistato il palato dei giudici con la loro qualità e unicità. Tra i bianchi, ha trionfato un Fiano di Avellino, apprezzato per la sua freschezza, complessità aromatica e persistenza gustativa. Per quanto riguarda i rossi da uve autoctone, il Nero di Troia Pupa Nera 2022 di Palatino, è stato valutato tra i migliori rossi prodotti da questo vitigno, grazie alla sua struttura , i tannini vellutati e le note di frutta matura e spezie. Anche i vini rosati hanno avuto il loro momento di gloria, con un Rosato di Salento che ha incantato per la sua eleganza e il perfetto equilibrio tra acidità e morbidezza.

La manifestazione Radici del Sud non è solo una competizione, ma anche un’occasione per promuovere la cultura e le tradizioni vinicole del Sud Italia. Gli eventi collaterali, come le degustazioni guidate e i workshop, hanno permesso ai partecipanti di approfondire la conoscenza dei vitigni autoctoni e delle tecniche di vinificazione. In definitiva, la XIX edizione di Radici del Sud ha confermato ancora una volta l’importanza di valorizzare e sostenere il patrimonio enologico del Sud Italia, contribuendo a diffondere la sua fama a livello nazionale e internazionale.

Durante la manifestazione, i partecipanti hanno avuto l’opportunità di degustare una vasta gamma di vini e oli, provenienti dalle diverse regioni del Sud Italia, come la Puglia, la Calabria, la Sicilia, la Sardegna, la Campania e la Basilicata. Le degustazioni sono state accompagnate da workshop, seminari e incontri con i produttori ed importatori provenienti dai quattro angoli del mondo, offrendo un approfondimento sulle tecniche di produzione e sulle peculiarità dei vari prodotti. Inoltre, una giuria di esperti ha premiato i migliori vini e oli, conferendo riconoscimenti che rappresentano un importante attestato di qualità e un motivo di orgoglio per i produttori.

L’edizione di quest’anno ha inoltre posto un forte accento sulla sostenibilità e sulla promozione di pratiche agricole rispettose dell’ambiente. Molti produttori hanno presentato vini e oli biologici, dimostrando un crescente impegno verso la tutela del territorio e la salute dei consumatori. Radici del Sud si conferma così non solo come una vetrina delle eccellenze enogastronomiche, ma anche come un’occasione per promuovere una cultura del consumo consapevole e sostenibile. Con la chiusura di questa edizione, l’appuntamento è già fissato per il prossimo anno, con la promessa di nuove scoperte e conferme nel panorama enogastronomico del Sud Italia.

Noi c’eravamo ed orgogliosamente siamo stati protagonisti assoluti di questa importante manifestazione del vino, declinata interamente sui prestigiosi vini del meridione d’Italia.

Spread the love